TAG: perchè è nato il blog la Pulciona vagabonda

untitledtag

Regole:

Ringraziare chi nomina ed utilizzare il logo;

Nominare 15 blog (non se stessi o chi vi ha nominati, lasciando spazio agli altri) ed avvertirli;

Scrivere un post per mostrare il premio;

Raccontare, brevemente, com’è nato il proprio blog e dare dei consigli a chi si cimenta da poco.

* * *

In primis, il ringraziamento per questo simpatico Tag va all’amica Beatrix, che mi pensa sempre (XD) ma stavolta lo apprezzo di più perchè significa che vuole conoscere davvero chi c’è dietro questo schermo ed in fondo anche un po’ di più la sua anima.

Si perchè questo Tag lo leggo diversamente, sebbene anche in altri, rispondendo alle domande, le persone hanno modo di far conoscere di più se stessi.

Ma diciamocelo, salvo il giro degli interessati, chi è che legge sempre tutto? A volte sembrano catene, a cui si risponde in automatico, perchè si deve in un certo senso, indipendentemente se il blog da cui la nomina è partita poi vada a leggere le risposte date da 15 o più blog o meno.

E viene meno lo scopo dei tag stessi.

In questi casi invece può essere diverso. Si ha la sensazione che davvero si vuole conoscere di più il blog e questo non può che far piacere, dato che la maggior parte delle volte si scrive per se stessi, senza star lì a macchinare quanti lettori si avranno nel poi. Come mi sembra succeda in posti come Instagram, dove frotte di persone postano il: se metti like ricambio con 10 like, se segui ricambio con pubblicità.

Ma pubblicità de che?!

Veniamo al nocciolo del tag: perchè è nato La Pulciona Vagabonda.

Come ho già scritto altrove, è nato perchè ne avevo voglia.

Conservo ancora i vecchi diari cartacei dell’adolescenza, pieni zeppi di pensieri, riflessioni, poesie, adesivi e chi più ne ha più ne metta. Scrivere della vita che quotidianamente mi accade è una cosa che mi è sempre piaciuto fare, con la convinzione di lasciare la traccia della me stessa che cresce, una traccia sempre più personale ed intensa, arricchita dei particolari che ogni giorno mi sorprendevano e mi sorprendono. Una traccia che sarebbe cresciuta con me e che un giorno avrei riletto, stupendomi, sorridendo e a volte anche piangendo.

I tempi tuttavia si evolvono e nonostante il cartaceo occupi un posto speciale nel mio cuore, nel 2004 iniziai il mio primo blog su Splinder. Chiuse. Ma questo lo sappiamo tutti. Però iniziare a scrivere nel mondo internauta mi era piaciuto.

Scrivere per me stessa, con le stesse intenzioni dei diari precedenti.

Passando per Iobloggo, il 20 giugno del 2015, dopo un lungo periodo di latitanza, ho scelto WordPress per i miei pensieri.

Così, di impulso, a contentare la voglia di scrivere ancora per me, nemmeno sapendo precisamente cosa, senza pretese. La prima cosa da fare comunque era trovare un nome.

Quando ero incinta, per motivi che non sto qui a spiegare, avevo un pancione che pareva contenere due frugoli, non una quale invece era. Così, soprattutto quando Attila si muoveva, dicevo sempre: questa non è na pulce, è na pulciona! ma pure io parevo na pulciona, da 56 chili che pesavo ne avevo presi una ventina e da allora, i simpaticissimi amici, mi soprannominarono così: Pulciona.

Una vagabonda, perchè lo sono sempre stata, tanto che da piccola una mia zia mi ci chiamava sempre. Vagabonda col cuore, con i pensieri, con l’essere lunatica come sono.

Ed ecco qui un nome perfetto: la Pulciona Vagabonda!

Cosa scrivere dunque? BoH.

Volevo un posto mio, dove appiccicarci gli scarabocchi dell’Anima, un rifugio, una porta sul mio Ego, libero di dire e fare quello che voleva. Un posto dove mettere su le foto, scrivere della Vita, di quello che imparavo, degli sbagli e delle cadute, un posto dove non ero sotto i riflettori del giudizio altrui, un posto dove poter scrivere stronzate laddove me ne venissero, un posto per poter ricordare.

Questo blog è uno sgabuzzino pieno di cianfrusaglie, apparentemente inutili ma ognuna invece con un perchè, piccoli specchi di frammenti di esistenza, una esistenza qualunque che però nelle pagine acquista un colore, una personalità, nell’apparente disordine in cui sono ordinate.

Si insegna leggendo qui e lì: per aprire un blog devi avere in mente una nicchia, un obiettivo, un target da raggiungere. E via con le pagine che ti spiegano come avere lettori ed aumentarli, come “fidelizzare” etc etc.

Come fidelizzare? un target? una nicchia? ma che state a dì aoH! Troppo seri, troppo organizzati, troppo premeditati.

Nulla è più lontano dalle mie intenzioni blogghesche, qui c’è solo una sempliciotta semplicità. Come si dice, chi me ama me segua, nun te interessa? fatte un giro se semo visti.

Il mio consiglio a chi vuole aprire un blog?

Se avete intenzione di pubblicizzare qualcosa che fate, servizi che offrite e così via, allora si, seguite i consigli degli esperti di cui dicevo più su; e se volete una dritta da una che legge dove c’è qualcosa di ben fatto ed interessante (una di quelle che potreste “fidelizzare” per intenderci) se ci aggiungete un tocco di personale fate buona cosa e vi aiutate molto.

Se invece scrivete un diario personale, beh, ragazzi miei, siate sinceri e parlate come mangiate, vedrete che avrete soddisfazione, per voi stessi e per chi vi legge.

Chi nomino? vediamo un pò (ovviamente chi è già stato nominato mi perdoni):

Dora;

Arcano;

Piper;

La stanza Infinita;

Chiara Chiarissima;

Ivy;

Giorgia;

Antonio;

Phlomis;

Nazaria;

Programmo la fuga;

Vomito;

Demonio;

Kastalia;

Luca.

A voi!

Annunci

27 thoughts on “TAG: perchè è nato il blog la Pulciona vagabonda

  1. “siate sinceri e parlate come mangiate” ecco…mi ci identifico pienamente con questa frase! E si, il tag mi piace e lo farò, prometto tranne che nominare 15 blogger che non ce li ho!E agli unici due a cui avrei potuto rigirare l’invito già sono stati presi(una sei tu e l’altra è nostra signora dei tag chiarachiarissima!)

    Liked by 1 persona

Dì la tua:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...